#

Ambiente

La sensibilità nei confronti della salvaguardia dell’ambiente, ed i continui aggiornamenti tecnici, ci permettono di fornire in modo chiaro e comprensibile indicazioni e documentazioni necessarie per accompagnare le aziende al rilascio di autorizzazioni, in base alla propria attività lavorativa, ed in base alle nuove richieste legislative.

Inoltre poniamo particolare interesse nel settore degli smaltimenti dei rifiuti, con soluzioni specifiche per ciascuna attività, essendo in possesso di Certificazione di Categoria 8 classe B n° FI 19762 del 18/05/2021, con iscrizione alla white list della Prefettura di Siena, e certificazioni aziendali ISO 9001:2015 e ISO 14001:2015.
Di seguito i servizi che offriamo alla nostra clientela:

  • Intermediazione nello smaltimento dei rifiuti
  • Tenuta dei registri di carico/scarico dei rifiuti
  • Compilazione MUD modello unico di dichiarazione (legge 70/94)
  • Progettazione e realizzazione di discariche
  • Ripristino e bonifica ambientale
  • Richiesta di autorizzazione per siti produttivi soggetti alla autorizzazione integrata ambientale (AIA-AUA)
  • Redazione dei piani di lavoro (D.Lgs. 257 del 25/07/2006)
  • Rimozione e smaltimento di amianto tramite ditta autorizzata
  • Pratica per autorizzazioni agli scarichi delle acque
  • Analisi delle emissioni in atmosfera (D.Lgs. 152/06)
  • Analisi delle acque di scarico (D.Lgs. 152/06)
  • Valutazioni di impatto acustico ambientale, con firma del Tecnico Dott. Giuseppe Pieri (iscrizione albo regionale n°8)

 

Di seguito è scaricabile l’iscrizione di Eco-Verde all’ Albo Nazionale Gestione Ambientale Categoria 8 Classe B Iscrizione N°FI19762:

Iscrizione Albo Nazionale Gestori Ambientali (33 download)

 

Dichiarazione MUD 2022:

 

1

Il Modello Unico di Dichiarazione ambientale (MUD), istituito con la Legge n. 70/1994, è un modello attraverso il quale devono essere denunciati i rifiuti prodotti dalle attività economiche, trasportati, intermediati, smaltiti, avviati al recupero e i rifiuti raccolti dal Comune, nell’anno precedente la dichiarazione.
Il documento ha lo scopo di controllare quanti e quali rifiuti vengono prodotti e come vengono smaltiti o avviati a recupero e deve essere presentato ogni anno alla Camera di Commercio competente per territorio.

Per il 2022 il termine per la presentazione è stato fissato al 21 maggio.

Il Modello Unico di Dichiarazione ambientale (MUD), articolato in 6 Comunicazioni, deve essere presentato, da parte dei soggetti interessati così individuati:

 

  1. Comunicazione Rifiuti speciali
    • Chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto dei rifiuti;
    • Commercianti ed intermediari di rifiuti senza detenzione;
    • Imprese ed enti che effettuano operazioni di recupero e smaltimento dei rifiuti;
    • Imprese ed enti produttori iniziali di rifiuti pericolosi;
    • Imprese agricole che producono rifiuti pericolosi con un volume di affari annuo superiore a Euro 8.000,00;
    • Imprese ed enti che hanno più di dieci dipendenti e sono produttori iniziali di rifiuti non pericolosi derivanti da lavorazioni industriali, da lavorazioni artigianali e da attività di recupero e smaltimento di rifiuti, fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento dei fumi (così come previsto dall’art. 184 comma 3 lettere c),d) e g)).
  1. Comunicazione Veicoli Fuori Uso
    • Soggetti che effettuano le attività di trattamento dei veicoli fuori uso e dei relativi componenti e materiali
  1. Comunicazione Imballaggi
    • Sezione Consorzi: CONAI o altri soggetti di cui all’art. 221, comma 3, lettere a) e c) D.Lgs. 152/2006;
    • Sezione Gestori rifiuti di imballaggio: impianti autorizzati a svolgere operazione di gestione di rifiuti di imballaggio di cui all’allegato B e C della parte IV del D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152.
  1. Comunicazione Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche
    • Soggetti coinvolti nel ciclo di gestione dei RAEE rientranti nel campo di applicazione del D.Lgs. 151/2005.
  1. Comunicazione Rifiuti Urbani, Assimilati e raccolti in convenzione
    • Soggetti istituzionali responsabili del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani e assimilati.
  1. Comunicazione Produttori di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche
    • Produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche iscritte al Registro Nazionale e Sistemi Collettivi di Finanziamento.

Si specifica che le aziende che producono rifiuti pericolosi con meno di dieci dipendenti dovranno presentare la dichiarazione solo per i rifiuti pericolosi e non per tutti quelli prodotti.

2

 

Non devono presentare la dichiarazione MUD, solo ed esclusivamente per quanto riguarda i rifiuti NON pericolosi:

 

  1. i soggetti che effettuano attività di trasporto in conto proprio dei propri rifiuti NON pericolosi;
  2. le imprese e gli enti, con un numero di dipendenti uguale o inferiore a 10, che producono rifiuti NON pericolosi derivanti da:
    • lavorazioni industriali
    • lavorazioni artigianali
    • fanghi derivanti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque
    • fanghi derivanti dalla depurazione delle acque reflue o dall’abbattimento di fumi;
  1. le imprese che esercitano attività di demolizione o costruzione (solo per i rifiuti NON pericolosi);
  2. le imprese che esercitano attività di commercio o di servizio (solo per i rifiuti NON pericolosi);

Non devono inoltre presentare la Dichiarazione MUD, anche in presenza di rifiuti pericolosi:

  1. le imprese agricole di cui all’art. 2135 del Codice Civile;
  2. i liberi professionisti che non operano in forma d’impresa;
  3. i soggetti che svolgono le attività di estetista, acconciatore, trucco permanente e semipermanente, tatuaggio, piercing, agopuntura, podologo, callista, manicure, pedicure e che producono rifiuti pericolosi e a rischio infettivo.
  4. Medici, dentisti e pediatri che non rientrano in organizzazione di Enti ed Imprese (quindi liberi professionisti) non hanno l’obbligo di presentazione del MUD. Diversamente, hanno l’obbligo di presentazione se producono rifiuti pericolosi.

3

 

Sanzioni

Comunicazione Rifiuti:

Sono previste sanzioni per il ritardo nella presentazione del MUD o per la sua mancata presentazione, così come descritto nell’art. 258, comma 1, del D.Lgs. 152/2006, nel testo previgente alle modifiche apportate dal D.Lgs. 205/2010:

  • la presentazione della Dichiarazione MUD effettuata dopo il termine previsto dalla normativa, ma entro 60 giorni dalla scadenza (è necessario contare esattamente 60 giorni, e non semplicemente due mesi), comporta una sanzione da Euro 26,00 a Euro 160,00.
  • la presentazione successiva ai 60 giorni dalla scadenza, l’omessa dichiarazione e la dichiarazione incompleta o inesatta comportano una sanzione amministrativa pecuniaria da Euro 2.600,00 a Euro 15.500,00.

Comunicazione Veicoli Fuori Uso:

Per mancata, incompleta o inesatta presentazione della Comunicazione, la sanzione amministrativa pecuniaria va da Euro 3.000,00 a Euro 18.000,00 (D.Lgs. 209/2003, art. 13, comma 7).
Comunicazione produttori AEE:

Per mancata, incompleta o inesatta comunicazione annuale, la sanzione amministrativa pecuniaria va da Euro 2.000,00 a Euro 20.000,00 (D.Lgs. 49/2014, art. 38, comma 2, lettera H).

 

Eco-Verde s.r.l. è a completa disposizione per svolgere il servizio di compilazione e presentazione, fornire assistenza o maggiori informazioni.